LA PICCOLA ROMA

7 giugno 2018 Blog Author: hvradmin

LA PICCOLA ROMA


Già ai tempi dell´Impero Romano Verona fu chiamata la piccola Roma, forse perché ha un grande anfiteatro e perché, con il fiume che la attraversa e con i colli che la abbracciano, ricorda un po’ la città eterna. Questo appellativo sopravvive ancora, dopo duemila anni, e tutto sommato è abbastanza sostenibile, considerando il fatto che le tracce delle Verona romana sono veramente tante.

Dopo l’Arena, il monumento più rappresentativo si trova nei giardini accanto a Castelvecchio. Costruito dai romani agli inizi del primo secolo, il bellissimo Arco dei Gavi è un raro esempio di arco celebrativo dedicato ad una famiglia di privati cittadini, la gens Gavia, che aveva ottenuto dalla municipalità il permesso di edificarlo a proprie spese su suolo pubblico. Per la sua ubicazione fu scelta una posizione prestigiosa: al centro del corso, dove oggi c’è la torre dell’orologio del Castello. All’epoca era il punto d’arrivo della via Postumia, importante strada consolare che congiungeva il mar Tirreno con il mare Adriatico. In epoca medievale l’arco divenne una delle principali porte di accesso alla città, con il nome di Porta Nuova di San Zeno.

Fu Napoleone a farlo togliere perché troppo stretto per il passaggio delle truppe, riducendolo così ad un cumulo di pietre. Ottant’anni fa l’arco fu restaurato e rimontato dove si trova oggi. Due particolari da notare: il tratto di selciato romano originale che si trova sotto l’arco, con i segni lasciati dai carri, e il nome dell’architetto scritto all’interno: Lucio Vitruvio Cerdone. Non è il famoso Vitruvio che scrisse il De Architectura ma è comunque un fatto insolito che un monumento antico sia stato firmato dal suo architetto.

ST16087

Post a comment

Your email address will not be published.

Search Hostaria Verona
Share:
Profiles:
Your browser is out-of-date!

Update your browser to view this website. Update my browser now